Fotovoltaico : mercato europeo in ripresa dal 2014

comparto fotovoltaico europeoDopo un 2013 abbastanza negativo per il comparto fotovoltaico europeo, sembra che delle prospettive più rosee si apriranno a partire dal 2014. Questa almeno la previsione di Solarbuzz che ha recentemente rincarato le stime, già positive, presentate qualche tempo fa da altri analisti del settore. Secondo le ricerche della società californiana, il 2013 si chiuderà con una riduzione abbastanza consistente della nuova capacità installata, appena 11.2 GW in più rispetto al 2012, per un calo annuale pari al 33%.

Sempre secondo le ricerche ad aver determinato un calo nel comparto fotovoltaico è stato soprattutto un fattore, ovvero il progressivo abbandono o la netta riduzione da parte di molti paesi e mercati europei degli incentivi sul fotovoltaico che in passato avevano contribuito moltissimo alla diffusione di pannelli solari e in generale di fonti di approvvigionamento energetiche alternative a quelle tradizionali.
Secondo gli analisti la scelta di governi come l’Italia, la Spagna e la Germania di mettere un freno agli incentivi per il fotovoltaico, avrebbe determinato una progressiva e inevitabile riduzione della domanda che pare raggiungerà la sua massima flessione nei primi mesi del prossimo anno, con circa 2.3 GW installati nel primo trimestre del 2014.

Pare inoltre che le nuove istallazioni continueranno a crescere, sebbene il trend sarà abbastanza modesto, per tutto il 2014, sino a raggiungere 3GW nel terzo trimestre dell’anno. A trainare il mercato fotovoltaico europeo saranno soprattutto la Gran Bretagna, l’Italia e la Germania.
“In Germania e in altri mercati, i consumatori residenziali riconosceranno un valore maggiore nell’evitare di acquistare energia elettrica piuttosto che vendere quella solare attraverso il feed-in-Tariff (FiT)”, afferma Tim Murphy sul blog di Solarbuzz. ”Lo stesso vale per i consumatori commerciali, sebbene in misura minore e in mercati meno numerosi”.

Secondo Murphy in Europa si stanno scontrando diversi modelli di business; da un lato la produzione centralizzata per la distribuzione, dall’altro la generazione distribuita rispetto al punto di utilizzo. Un conflitto che crea tensioni e che viene aggravato anche dalla crisi del settore elettrico europeo; secondo Murphy il fotovoltaico europeo potrà davvero riprendersi solo se i paesi del Vecchio Continente riusciranno a risolvere i problemi relativi alla rete di distribuzione.

Condividilo!


Warning: Use of undefined constant rand - assumed 'rand' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/ambie149/public_html/wp-content/themes/ribbon/single.php on line 35

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *